Partner
Sostenitori
Convezioni
Canale YouTube
Forum
ciclismo in liberta`
Discuti di ciclismo con noi, di quello che succede in societa' e non solo.
Associazioni
UCI Europe Tour
UCI Europe Tour.
C.O.N.I.
Comitato Olimpico Nazionale Italiano.
F.C.I.
Federazione Ciclistica Italiana
A.O.C.C.
Associazione Organizzatori Corse Ciclistiche.
ACSI Ciclismo
Comitati Provinciali di Genova e Savona
Chi è online
 133 visitatori online
ATTENZIONE!
  • Questo sito fa uso COOKIES

    Questo sito usa i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione. I cookie qui usati permettono di conteggiare le visite in modo anonimo e non permettono in alcun modo di identificarti direttamente. Continuando la navigazione accettate l'uso dei cookies.

    Informativa estesa sui Cookies

Edizione 2007

2007: Trionfo di Alessandro BERTOLINI

2007_giro_appenninoIl trentino Alessandro BERTOLINI si e` aggiudicato sul nuovo traguardo di Pontedecimo la 68 edizione del Giro dell'Appennino. Il portacolori della Serramenti PVC Diquigiovanni ha preceduto di 55 secondi il bielorosso Siutsou e di 59" l'ucraino Pidgornyy.

Clicca qui per leggere gli articoli dell'edizione 2007

 

LA "MITICA" BOCCHETTA

E' la salita  simbolo del Giro dell'Appennino e non solo.
Da Campomorone Il dislivello da colmare è di soli 654 metri ma sono pochi anche i chilometri da affrontare. La pendenza media è dell'8% scarso, ma distribuita in modo non omogeneo.
C'è un primo strappo (anche 13%) fino a Langasco (km 2.5, metri 320) dove la strada addolcisce le pendenze per riprendere ad impennarsi fino a Pietralavezzara (km 5, metri 500).
In questa seconda località si può rifiatare prima di affrontare gli ultimi strappi al 9% circa di pendenza media.
Ecco nel dettaglio le caratteristiche della "salita delle streghe". 

 

68° Giro dell'Appennino 2007: la Cronaca della gara

2007_giro_appennino_01Il via è stato dato alle ore 11 a Novi Ligure davanti al Museo dei Campionissimi con 109 corridori in rappresentanza di 15 squadre. Gruppo abbastanza nervoso nella prima parte anche se al passaggio nel centro di Genova al km 130 di gara è ancora compatto. Una decina di km dopo si avvantaggiano 24 uomini tra cui uomini pericolosi come Pidgornyy, Anzà, Missaglia e Niemec: da questo gruppetto provano ad uscire Celli, Siutsou e proprio Bertolini e riescono subito a guadagnare un centinaio di metri. Il tentativo è buono e ai piedi della Bocchetta il vantaggio sul gruppo (che intanto si è ricompattato) è di circa 50”.

Leggi tutto...

 

ORDINE D'ARRIVO: Bertolini precede Siutsou

2007_ordine_arrivoAlessandro BERTOLINI ha preceduto di 55 secondi il bielorosso Siutsou e di 59" l'ucraino Pidgornyy. Bailetti, a 1' 18", supera Luca Mazzanti e Sobal nella volata per il quarto posto.

Scarica il PDF dell'ordine di arrivo

 

68° Giro dell'Appennino - Fondazione CARIGE CUP: Trionfo di Alessandro BERTOLINI

2007_giro_appenninoIl trentino Alessandro BERTOLINI si e` aggiudicato sul nuovo traguardo di Pontedecimo la 68 edizione del Giro dell'Appennino. Il portacolori della Serramenti PVC Diquigiovanni ha preceduto di 55 secondi il bielorosso Siutsou e di 59" l'ucraino Pidgornyy.

Per Alessandro è il secondo successo stagionale (dopo la prima semitappa alla Settimana Internazionale Coppi e Bartali) e il quindicesimo in carriera e, senza dubbio, questo è uno dei più importanti: con lui festeggia anche il suo Team Manager Gianni Savio che dopo tante edizioni i cui i suoi ragazzi correvano da protagonisti riesci finalmente a cogliere il successo finale.

“Questa vittoria è una dimostrazione della mia professionalità, mi alleno sempre e mi faccio sempre trovare pronto. Quando passa il treno giusto bisogna essere pronto a salirci e oggi è riuscito tutto al meglio”. Dopo una vittoria così a poco meno di due mesi dalla corsa iridata viene quasi spontanea una domanda sul prossimo futuro e su una possibile maglia azzurra: il trentino tiene i piedi per terra però “la maglia azzurra è un sogno fin da quando ero ragazzino; in più sono uno che se c'è da lavorare non mi tiro mai indietro e riesco anche a vedere bene la corsa. Ora mi piacerebbe fare bene al Melinda e al Veneto, per la convocazione chissà...”.